Cervia

 
Cervia

CERVIA

La storia di Cervia è strettamente legata alla produzione del sale. Di origine antica, probabilmente greca, Cervia era denominata un tempo Ficocle. Il sale aveva un tempo un valore strategico in quanto prodotto che veniva utilizzato non solo come condimento dei cibi, ma come elemento essenziale per la conservazione degli alimenti e per molteplici attività di trasformazione.

L'antica "città del sale", il vecchio "borgo di pescatori" le zone di insediamento agricolo, e le ampie distese della secolare pineta, si sono trasformate in funzione di uno sviluppo turistico che si è realizzato in modo pioneristico dalla fine dell'800.

 

Cervia è oggi uno dei più rinomati centri turistici italiani, gode di fama internazionale e conta ogni anno circa 4 milioni di giornate di presenza di italiani e stranieri. Con oltre nove chilometri di arenile caratterizzato da sabbia finissima, Cervia è particolarmente indicata per le vacanze familiari e dei bambini. La città vanta inoltre un prezioso patrimonio di aree verdi. Lo sviluppo è avvenuto in armonia con l'ambiente. 

La secolare pineta di Cervia parte meridionale del "bosco spesso e vivo" celebrato da Dante e da Byron, si estende per circa 260 ettari. Ai margini della pineta è nata la città giardino di Milano Marittima. Un'ampia fascia pinetale di 24 ettari costituisce un polmone verde tra l'arenile e le località di Pinarella e Tagliata.

Le antiche saline, estese per 827 ettari, oltre a garantire una produzione di sale di circa 200.000 quintali, costituiscono una riserva naturale dove nidificano avocette, cavalieri d'Italia, garzette, germani, e tante altre specie di avifauna. Cervia è una città ideale per una "vacanza attiva" e per lo sport. Dagli attrezzati "percorsi vita" nelle pinete cervesi, alle piste ciclabili, ai moderni impianti sportivi. Proprio qui è stato costruito il primo campo da golf a 18 buche della costa emiliano-romagnola, dotato anche di Club House.

Benvenuti all'Hotel Al Faro Cervia - Ristorante Pizzeria Caio Mario